Documentazione
< Indietro
Print

GESTIONE FIRR

Gestione FIRR

Introduzione

Le ditte preponenti sono tenute ad accantonare annualmente una somma, rapportata alle provvigioni liquidate agli agenti, a titolo di indennità di risoluzione del rapporto. Il contributo FIRR è dovuto per tutti gli agenti e rappresentanti, compresi quelli che operano in forma di società di capitali. Nella determinazione del contributo interviene l’importo totale delle provvigioni liquidate nell’anno solare tenendo conto anche delle somme corrisposte a titolo di rimborso o concorso spese.
Tale contributo deve essere versato nel mese di marzo dell’anno successivo a quello di riferimento, utilizzando un apposito bollettino precompilato dalla Fondazione Enasarco.
Le somme accantonate verranno liquidate dalla Fondazione Enasarco direttamente all’agente, o alla società, alla cessazione del rapporto.
Le aliquote F.I.R.R sono stabilite per scaglioni e in caso di inizio o cessazione del rapporto di agenzia nel corso dell’anno solare gli scaglioni saranno ridotti in proporzione ai mesi di durata del rapporto nel corso dell’anno solare.

Anagrafica Fornitori

RIT] All’interno del Tab [RITENUTE] è necessario indicare se il nostro collaboratore è soggetto a FIRR, specificando:
• Tipologia (monomandatario o plurimandatario per il diverso assoggettamento);
• Data di inizio e/o eventuale data di fine (per rapportare gli scaglioni ai mesi di prestazione attività dello stesso). Se in tali campi non viene indicato nulla automaticamente i mesi di riferimento saranno 12.

Dati FIRR

È necessario compilare la tabella di base [Dati FIRR] per il calcolo del contributo FIRR.

Nella colonna dei [Conti di Acquisto Considerati] devono essere indicati tutti i conti del nostro Piano dei Conti che devono entrare a far parte del totale corrisposto come provvigioni liquidate.
La procedura sommerà tutti gli importi imputati su questi conti, in prima nota iva, per il fornitore con il flag di assoggettamento FIRR e tale importi costituiranno la BASE IMPONIBILE.
Nella colonna [Percentuali di Calcolo] è necessario indicare gli scaglioni di calcolo per entrambi gli assoggettamenti.
Tali scaglioni saranno la base per la determinazione del contributo da versare. In base alla data di inizio e/o di fine attività, indicata nell’anagrafica del fornitore, tali scaglioni saranno rapportati ai dodicesimi di riferimento di ciascun collaboratore. Attraverso il Button [Leggi % Anni Precedenti] è possibile duplicare gli importi.
Gli scaglioni ora in vigore sono i seguenti:
MONOMANDATARIO
4% sulle provvigioni fino a 12.400,00 € annui
2% sulla quota delle provvigioni tra 12.400,01 € e 18.600,00 € annui
1% sulla quota delle provvigioni oltre i 18.600,01 € annui
PLURIMANDATARIO
4% sulle provvigioni fino a 6.200,00 € annui
2% sulla quota delle provvigioni tra 6.200,01 € e 9.300,00 € annui
1% sulla quota delle provvigioni oltre i 9.300,01 € annui

Stampa FIRR

Utilizzando il Button [Leggi Importi] viene compilata la tabella con la lettura dei dati inseriti in Prima nota IVA considerando tutte le impostazioni effettuate nell’anno in corso. (È necessario posizionarsi sull’anno solare di cui si intende calcolare il contributo).
In tale tabella sarà possibile procedere a delle variazioni prima di effettuare la stampa e di tali variazioni sarà mantenuta traccia in una tabella di log.
Prima di stampare è necessario salvare i dati letti e/o modificati.

Nel caso di soggetto in cui sono compilati i campi data FIRR sulla scheda fornitore l’importo degli scaglioni sarà rapportato al periodo relativo dell’anno.

Un esempio di stampa:

Previous STAMPA PROVVIGIONI
Indice contenuti