Documentazione
< Indietro
Print

PROCEDURE

Ritenute D’Acconto/ENASARCO

[RIT] La gestione delle ritenute d’acconto e dell’ENASARCO viene attivata dall’anagrafica del fornitore, dove devono essere inserite tutte le informazioni necessarie per il calcolo delle stesse.
Prima di procedere è bene focalizzare l’attenzione su alcune particolarità di gestione delle ritenute con Stratega™:
• la ritenuta viene rilevata in fase di registrazione della fattura dei percipienti (e non in fase di pagamento della stessa, anche se nella stampa del prospetto [Ritenute da Versare] le parcelle non pagate non sono prese in considerazione. Sarà eventualmente cura dell’utente utilizzare dei giroconti per l’insorgenza del debito effettivo verso l’erario solo a pagamento avvenuto, es. erario c/ritenute da maturare);
• la scadenza della fattura del professionista deve essere pagata in un’unica soluzione;
• l’ENASARCO rilevato in sede di fattura risulta essere solo la quota a carico del percipiente.
• la quota a carico ditta dovrà essere rilevata autonomamente dall’utente. Il prospetto delle “ritenute” da versare tiene in considerazione anche la quota a carico ditta e moltiplica la ritenuta rilevata per 2; (vedi gestione alternativa ENASARCO/INPS)
• l’INPS rilevato in sede di fattura risulta essere solo la quota a carico del percipiente. La stampa del prospetto non fa nessuna considerazione sullo stesso. Sarà cura dell’utente rilevare e versare anche i 2/3 di competenza dell’azienda. (vedi gestione alternativa ENASARCO/INPS)

Per quanto riguarda l’ENASARCO, la procedura provvede a calcolare l’importo minimale dalla data di inizio attività dell’agente indipendentemente dalla registrazione di una fattura.

Archivi di Base

Anagrafica Fornitore

Per i dettagli vedere Tab [RITENUTE] su Anagrafica Fornitori.


CAUSALI PRIMA NOTA
Perché si attivi la gestione delle Ritenute d’Acconto, il relativo flag sulla Causali di Prima Nota [Calcolo Ritenute] deve essere attivo

Transazioni

Prima Nota IVA

Al ricevimento della fattura da parte del professionista è necessario procedere alla normale registrazione in Prima Nota IVA utilizzando una [Causale] che preveda le Ritenute d’acconto.
La procedura provvederà a compilare il Tab [Ritenute] utilizzando le informazioni inserite nell’anagrafica del Fornitore.
L’utente deve verificare l’importo delle ritenute calcolate e se dovesse trovare delle discordanze (per esempio l’agente ha superato ENASARCO) deve procedere a modificare questo importo. Il nuovo importo sarà tenuto in considerazione nella registrazione in [Prima Nota] (Tab [Contabilità]).

Da [S6B6 SP20], durante la registrazione di una fattura fornitore con ritenuta, se presente il [Conto Transitorio Ritenute] nell’Anagrafica Fornitore (Tab [Ritenute]), nella registrazione di Prima Nota verrà assegnato l’importo della ritenuta al nuovo conto transitorio, anziché al normale conto legato alla ritenuta (colonna [Conto] della medesima Tab).

La situazione complessiva delle Ritenute calcolate è disponibile nella Tab [Ritenute], dove, se necessario è possibile riportare delle correzioni, rispetto al calcolo standard che effettua Stratega™.

N.B. Se si fanno delle correzioni manuali, è utile ricordare che, queste vengono cancellate se si effettua una qualunque modifica al movimento. In questo caso dovranno essere rifatte, nuovamente.

L’utente può decidere che lo scadenzario venga generato solo per la parte effettivamente dovuta al professionista (e quindi al netto delle ritenute) oppure venga generata comunque per l’intero importo e in fase di registrazione del pagamento sarà quindi cura dell’utente procedere al pagamento solo della quota di competenza ed eventualmente stornare la quota in eccedenza (che non deve comunque riguardare il fornitore già chiuso con la fattura di acquisto) su un apposito conto. Potrebbe essere il momento di girare il conto, se utilizzato, “Erario C/Ritenute da Maturare” con il conto “Erario C/Ritenute da Versare”.
Per far sì che lo scadenzario venga generato al netto della ritenuta è necessario selezionare in “[Setup–>Amministrazione–>AMMINISTRAZIONE 1]

Per essere più chiari rappresentiamo schematicamente questo concetto:

  1. All’atto della registrazione della fattura (con conto transitorio)

Diversi a Diversi

DareAvere
  Fornitore120
  Erario c/ritenute da maturare20
Acquisto100  
IVA20  
Fornitore20  

1. Registrazione Della Scadenza Al Netto Delle Detrazioni

Apertura della finanziaria di 100

Pagamento della fattura:

DareAvere
Fornitore100  
  Banca100

Giroconto Per Ritenute Da Versare:

DareAvere
Erario c/ritenute20  
  Erario c/rit. da versare100

2. Registrazione Della Scadenza Al Lordo Della Ritenuta

Apertura della finanziaria di 120

Pagamento della fattura. Diversi a Diversi.

DareAvere
Fornitore100  
Erario c/rit. da maturare20  
  Banca100
  Erario c/rit. da versare20
  1. All’atto Della Registrazione Della Fattura (Con Conto Effettivo).

Diversi a Diversi

DareAvere
  Fornitore120
  Erario c/rit. da versare20
Acquisto100  
IVA20  
Fornitore20  

1. Registrazione Della Scadenza Al Netto Delle Detrazioni

Apertura Della Finanziaria Di 100

Pagamento Della Fattura:

DareAvere
Fornitore100  
  Banca100

2. Non ci sarebbe motivo per registrarle al lordo delle ritenute.

Gestione Pagamenti

PAGAMENTO PARCELLA (O FATTURA)
Il pagamento della fattura del collaboratore può avvenire utilizzando le normali procedure di Stratega™: da [Prima Nota] o da [Gestione Pagamenti Fornitori], ma, come detto in precedenza, è necessario che la rata della scadenza sia una sola. Per il momento non sono gestiti i pagamenti su più scadenze o parziali su una singola.

Da [S6B6 SP20] effettuando il pagamento di scadenze relative a fatture di acquisto con ritenuta, se la ritenuta è stata registrata utilizzando l’apposito conto transitorio indicato in anagrafica fornitore, nella medesima registrazione di pagamento viene automaticamente generato un movimento di giroconto ritenute che andrà a stornare il conto transitorio e ad addebitare i conti rappresentanti il debito effettivo verso Erario/Ente Previdenziale. N.B. il giroconto tra il conto transitorio ed il conto effettivo viene aggiunto dopo la conferma della registrazione del pagamento anche in [Prima Nota].

PROSPETTO VERSAMENTO RITENUTE DA VERSARE

Attraverso questa procedura è possibile visualizzare le ritenute che devono essere versate a fronte di PAGAMENTI effettuati nel mese selezionato.
Nonostante la ritenuta sia stata, contabilmente, rilevata in fase di registrazione del documento di acquisto, questa procedura visualizza solo le fatture effettivamente pagate nel mese di selezione.
Prima di effettuare la stampa è necessario selezionare una causale e una banca di appoggio.
La causale non viene presa in considerazione per il calcolo del versamento del minimale ENASARCO.
Tale banca rappresenta l’istituto dove ho fisicamente versato le ritenute elencate.
Nel caso di ENASARCO l’importo visualizzato sulla stampa è già moltiplicato per 2, tenendo quindi in considerazione anche il 50% a carico azienda. (Questo non avviene nel caso dell’INPS e quindi l’utente dovrà aggiungere i 2/3 di sua competenza o nel caso in cui sia stata attivata la gestione alternativa di INPS e ENASARCO).
Una volta verificati gli importi indicati nel report si rende necessario effettuare la stampa definitiva.
Solo quando viene fatto questo aggiornamento è infatti possibile stampare la certificazione delle ritenute versate.
Con l’opzione [Stampa definitiva] l’utente può scegliere se agire solo sulle ritenute, e in questo caso nel Tab [Ritenute] della prima nota IVA verrà indicata la banca e la data del versamento, o se effettuare anche il movimento contabile dell’avvenuto pagamento delle stesse.
La scelta viene attivata in [Setup–>Amministrazione/AMMINISTRAZIONE 1] selezionando la seguente opzione [Genere Movimento Contabile con Versamento Ritenute]

Nel caso di ENASARCO verrà effettuato il versamento tenendo conto dell’importo minimale inserito nel setup applicazione [Setup–>Amministrazione–>AMMINISTRAZIONE 2] (rapportato al mese di riferimento e al periodo di attività dell’agente).

Il movimento contabile chiude il conto “Erario C/Ritenute da Versare” movimentando il conto inserito in Anagrafica Banche per la banca indicata dall’utente.

Se la scelta dell’utente è di non creare il movimento contabile, sarà cura dello stesso effettuare la scrittura del versamento delle ritenute.

DareAvere
Erario c/ritenute20  
  Banca20

Sono previsti dei controlli di congruità dei dati inseriti in Anagrafica Fornitore e quindi non è possibile avere lo stesso codice ritenuta associato a due tipologie differenti e il codice ritenuta utilizzato, nell’anno, in Prima Nota IVA deve essere ancora presente nell’Anagrafica del Fornitore.

È stato modificato il layout di stampa per visualizzare l’importo dell’ENASARCO indicato in fattura e una nuova colonna con l’importo calcolato (a copertura minimale).
È stata aggiunta una nuova colonna che descrive il motivo per cui è stato calcolato l’enasarco:

  • MINIMALE DEL PERIODO (versamento minimale senza fattura)
  • RECUPERO MINIMALE PRECEDENTE (quando l’importo che verso è inferiore al
    minimale perché nel periodo precedente ho versato di più, in genere)
  • VERSATO MINIMALE (in presenza di una fattura inferiore al minimale)

STAMPA CERTIFICAZIONE

Attraverso questa procedura è possibile inviare al libero professionista l’elenco dei compensi che sono stati assoggettati a ritenuta utilizzando l’opzione [Certificazione], mentre il [Dettaglio certificazione] offre un numero maggiore di informazioni che permettono di verificare meglio il contenuto della lettera sulla base delle scritture contabili effettuate.
La colonna rimborsi viene compilata con l’importo inserito sul conto o sul codice iva (o su entrambi se specificati) indicato nel setup applicazione [Setup–>Amministrazione–>AMMINISTRAZIONE 2]

Sarà comunque cura dell’utente, in fase di registrazione iva, specificare che tale importo non è soggetto a ritenuta.

Appendice

Esempio di registrazione di una parcella.
Supponendo di aver ricevuto da un libero professionista la seguente parcella:

Compenso 1000
Rivalsa cassa previdenziale 2% 20
 Totale Imponibile1020
Iva 22% 224,4
Rimborso Spese Cancelleria 40
 Totale1284,2
Ritenuta 20% 200
Totale da ricevere 1084,4

Procediamo ad effettuare la registrazione in Prima Nota IVA:

mentre il totale in scadenza sarà:

Note di Rilascio

Gestione Notule

Archivi

[RIT] Per gestire i pagamenti anticipati ai percipienti e fare in modo che anche la notula rientri nel normale calcolo delle ritenute da versare può essere attivata la seguente procedura:
– Creare un tipo documento per l’acquisto che non abbia selezionato il flag di Contabilità [Utilizza] (è importante che la numerazione delle note di addebito segui quella delle fatture di acquisto).

– Indicare questo tipo documento per la Notula/Parcella se [Setup -> Amministrazione -> Amministrazione_1]

– creare un numero di registro IVA acquisti non soggetto liquidazione IVA;

Prima Nota IVA

A) A ricevimento della notula del percipiente si provvederà alla sua registrazione utilizzando la normale procedura IVA con l’accortezza di:

  • utilizzare il tipo documento in precedenza creato;
  • utilizzare il tipo di registro non soggetto a Liquidazione IVA;
  • verificare l’importo indicato nelle ritenute;
  • gestire manualmente la creazione dello scadenzario che non viene gestito automaticamente dalla procedura. In questa fase per comodità dell’utente potrebbe essere utile gestire la scadenza al lordo della ritenuta, in quanto Stratega™ non fa nessuna registrazione sulla contabilità e l’utente dovrà provvedere a gestire manualmente il rilevamento della ritenuta in una fase successiva;
  • al momento del pagamento della notula, in prima nota, a fronte del debito in precedenza generato per l’importo lordo da corrispondere al professionista verrà fatta (sempre a cura dell’utente) una registrazione di questo tipo:
FORNITORE: 1.200 €
BANCA 1.000€
ERARIO C/RITENUTE 200€
  • si procederà alla normale stampa del prospetto ritenute da versare;

B) A ricevimento della fattura effettiva del percipiente sarà importante non rilevare di nuovo le ritenute e non far generare la scadenza già in precedenza saldata.

Gestione Alternativa ENASARCO/INPS

[RIT] Questa gestione ENASARCO consente la registrazione automatica della quota Enasarco a carico ditta in fase di registrazione della fattura di acquisto dell’agente, ma non offre la possibilità di avere dalla stampa del prospetto ritenute da versare la gestione del massimale e del minimale Enasarco.
Per attivare tale procedura è necessario creare nella Tabella [Descrizioni], Tipo RITFOR_TIPO, un codice nuovo con descrizione [ENASARCO a carico ditta] e uno nuovo con [ENASARCO carico agente] e altrettanto per INPS (ci si può posizionare tramite l’utilizzo del tasto destro/gestione posizionandosi sul tipo ritenuta in anagrafica fornitore al Tab [RITENUTE]):

N.B. questi codici devono essere diversi da 20 e 25.

In anagrafica fornitore la compilazione del Tab [RITENUTE] deve indicare le tipologie Enasarco carico ditta ed Enasarco a carico agente nella stessa metodologia vista in precedenza ma utilizzando questi nuovi codici e indicando questa volta anche la quota di riferimento dell’azienda.
Su questa riga è necessario indicare nella colonna [Controp] il conto di COSTO ENASARCO e INPS di competenza dell’azienda.

Le registrazioni in contabilità avvengo poi come visto in precedenza, con l’unica differenza che contestualmente alla creazione del debito di competenza dell’agente o del professionista, sarà rilevata anche la quota di competenza dell’azienda.

Split Payment

Attivo in Stratega™ dalla versione [S6B6 SP18]

A partire dal 1° luglio 2017 l’articolo 17-ter del Dpr 633/1972 allarga la platea dei nuovi soggetti obbligati al meccanismo dello Split Payment nel ciclo passivo, per cui gli acquirenti di beni e servizi devono versare direttamente all’erario l’IVA che è stata addebitata loro dai fornitori.

Il decreto attuativo prevede che l’esigibilità IVA, per i soggetti sopra citati che effettuano acquisti di beni e servizi nell’esercizio di attività commerciali (titolari di Partita IVA), si manifesti in due diverse modalità a scelta dell’azienda:

1° METODO: al momento della ricezione della fattura: l’imposta dovuta partecipa alla liquidazione periodica nel mese/trimestre dell’esigibilità.

2° METODO: al momento del pagamento dei corrispettivi: la registrazione dell’acquisto ai fini dell’IVA va effettuata “in sospensione”;

Split Payment a Ricezione Fattura

Adottando questo metodo, l’IVA viene assolta direttamente in liquidazione iva con le stesse modalità previste per il Reverse Charge.

Causali di Prima Nota

(Archivi Di Base -> Amministrazione)

Creare una nuova causale contabile con l’attivazione del flag di “Generazione autofattura” con tipologia Reverse Charge.

Movimenti Prima Nota IVA

Inserire le fatture di acquisto indicando la causale contabile che genera autofattura.

Al salvataggio del documento, in automatico viene inserita l’equivalente autofattura.

Liquidazione IVA

(Amministrazione -> Applicazioni Fiscali)

Per effetto dell’autofattura l’IVA a debito viene compensata dall’Iva a credito.

Split Payment per Cassa

Gestito nuovo metodo per fatture fornitore split payment con esigibilità iva al momento del pagamento dei corrispettivi.
Di seguito i comportamenti da adottare in Stratega™:

Tabella codici IVA

Inserire i nuovi Codici IVA da utilizzare nella registrazione di fatture di acquisto. I nuovi codici devono avere:

– Tipologia “IVA IN SOSPENSIONE”;

– Contropartita Vendite: inserire un nuovo Piano dei Conti per rilevare l’IVA VENDITE di tipo Split Payment, che deve essere diverso da quello utilizzato per le normali VENDITE;

– Vendite Imposta: VUOTO;

– Il flag [Split Payment (art. 17 ter DPR 633/1972)] attivo;

Movimenti di Prima nota IVA

La registrazione di una fattura di acquisto di tipo Split payment, deve avvenire utilizzando il precedente Codice IVA appositamente creato.

Tab [Finanziaria]: in automatico il totale della partita viene “pulito” dalla quota IVA, il fornitore rimane aperto per la sola quota imponibile della fattura.

Tab [Contabilità]: In automatico il sistema genererà la corretta registrazione contabile del movimento, come nell’esempio sottostante.

Ai fini IVA:

– la quota IVA acquisti confluisce nel mese della registrazione della fattura;
– la quota IVA vendite da split Payment rimane in SOSPESO, e diventerà esigibile solo nel mese in cui il fornitore verrà liquidato;

Liquidazione IVA

La fattura di acquisto split payment viene rilevata nell’IVA a Credito del periodo.

Se non ancora pagata, l’IVA a DEBITO viene segnalata nella voce “IVA IN SOSPENSIONE” ma non viene conteggiata ancora nell’IVA a Debito del periodo.

Se pagata, l’IVA a DEBITO viene segnalata nella voce “IVA RIENTRATA DA SOSPENSIONE” e viene conteggiata nell’iva a debito del periodo.

Iva Split Payment rientrata da sospensione

Dato un periodo di selezione, il programma rileva i pagamenti di fatture di acquisto aventi IVA in sospensione di tipo Split Payment, e totalizza in coda i movimenti suddividendoli per codice IVA.

Il report ha lo scopo di dettagliare i pagamenti del periodo di Liquidazione IVA. Il risultato ottenuto deve essere il medesimo proposto in liquidazione IVA relativamente alla voce “IVA RIENTRATA DA SOSPENSIONE”.

Fatturazione Elettronica

[FE] [S6B6 SP19] Dal Documento su Fatturazione Elettronica (Versione 3.9 del 28/12/2020) – Manuale Utente. Questo è un modulo aggiuntivo a richiesta.

Il modulo “CICLO PASSIVO” della Fatturazione Elettronica permette di caricare i file delle fatture elettroniche ricevute nell’apposito programma di interrogazione fatture elettroniche ricevute.

AGGIORNAMENTI
Versione 3.7 (Gennaio 2020)


• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: Se la versione di Stratega™ è superiore o uguale alla versione [S6B6 SP15] viene gestita la generazione dell’autofattura in [Prima Nota IVA] in caso di Fattura di Acquisto in Reverse Charge;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: abilitata modifica al registro sul quale eseguire la contabilizzazione della fattura di acquisto;


Versione 3.6 (Settembre 2019)
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: abilitato filtro per ricercare tutte le anagrafiche fornitore dallo zoom conto fornitore;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: resi ricercabili numero e data protocollo di Prima Nota IVA;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunti registro numero e data protocollo nel [BROWSE];
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: se per la P.IVA Fornitore esiste più di una anagrafica fornitore di cui una attiva e una disattivata, andava in errore la selezione del conto;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestito automatismo per invertire il segno in caso di ricezione note credito con segno negativo;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: se la fattura XML ha campi data in un formato non valido (ad esempio 01/01/0001) la data non viene più importata per evitare errori di conversione data;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: in caricamento fatture di acquisto gestita lettura formato utf-16 che mandava in errore il caricamento della fattura;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: la contabilizzazione di fatture con IVA indetraibile o parzialmente detraibile creava una registrazione di Prima Nota errata;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: se deve essere inserita una nuova anagrafica fornitore ma nel piano dei conti esiste già il conto, gestiti fino a 100 tentativi di inserimento applicando +1 al conto da inserire;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestita lettura del tracciato semplificato fattura elettronica;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestita possibilità di valorizzare la causale contabile da utilizzare per la contabilizzazione delle fatture di acquisto;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: nella creazione di una nuova anagrafica fornitore troncato l’indirizzo per non sforare i caratteri ammessi in Stratega™;


Versione 3.5 (Marzo 2019)
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: modificato ordinamento fatture per data e ora caricamento;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: resa ricercabile la data di caricamento fatture di acquisto;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: inserito flag [No Ritenuta] nelle righe corpo della fattura di acquisto che vengono valorizzate in casi di fatture con ritenuta e righe fattura che non rientrano nel conteggio ritenuta;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: inserito centro di costo nelle righe di acquisto ereditandolo da Anagrafica Fornitori, aggiunta possibilità di valorizzare centro/commessa nelle righe della fattura di acquisto da riportare in Prima Nota IVA durante la contabilizzazione;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: in importazione fattura di acquisto recuperata la banca di presentazione dall’Anagrafica Fornitore ed assegnata alle scadenze;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: in contabilizzazione fatture di acquisto se in Anagrafica Fornitore sono presenti i dati bancari: ABI/CAB e IBAN vengono assegnati nelle scadenze fattura elettronica solo se sprovviste dei dati bancari;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestito visualizzazione fattura di acquisto da tasto “visualizza” con possibilità di scelta fra modello: semplificato o ministeriale;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestita contabilizzazione fattura di acquista con ritenute Enasarco con giroconto ritenuta a carico ditta;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: corretta assegnazione ABI e CAB da Fattura di Acquisto testandone prima l’esistenza, altrimenti in precedenza inseriva erroneamente un punto;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: assegnazione valuta fattura di acquisto con valuta di conto se sigla uguale a ‘EUR’;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: l’inserimento di una nuova anagrafica fornitore da importazione fatture elettroniche non creava per tutte le aziende i dati amministrativi e le condizioni fornitori per azienda;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: la contabilizzazione di fattura di acquisto con IVA indetraibile al 100% creava una registrazione di prima nota errata;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: in caricamento fattura di acquisto nel controllare l’esistenza di una fattura di acquisto già presente, oltre a numero, data e Partita IVA controlla anche il tipo documento;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: in contabilizzazione fattura di acquisto inserita possibilità di valorizzare Data Periodo IVA da riportare in Prima Nota IVA;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunta possibilità di contabilizzare le fatture di acquisto su registro definitivo con conseguente aggiornamento dei saldi contabili;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: corretto errore per cui se il mastro fornitore era a due livelli il programma non riusciva a generare una nuova anagrafica fornitore;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunta possibilità di copiare le fatture elettroniche ricevute in una cartella a scelta, tipicamente per l’invio al commercialista;


Versione 3.4
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: corretta lettura date per ricezione formati non validi che mandavano in errore il programma di caricamento;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestiti file duplicati di fatture elettroniche già ricevute;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunto nuovo flag per escludere in ricerca le fatture già elaborate;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: se fatture con dati di cassa previdenziali e aliquota iva presente, inseriti nel corpo della fattura di acquisto gli imponibili e l’aliquota iva dei dati di cassa previdenziale;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestiti numeri riga doppi ricevuti nella stessa fattura che determinavano un errore di chiave duplicata in modifica;


Versione 3.3
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: al termine della lettura delle fatture automatizzata ricerca delle fatture di acquisto a video;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: gestita lettura di fatture con suffisso diverso da “IT”;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: rese modificabili le seguenti informazioni: valuta, anno, ritenute, scadenze;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: potenziati controlli validità dati in contabilizzazione fatture;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: reso ricercabile flag [Contabilizzato];
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunto campo note per inserimento note manuali;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: ampliato il numero di caratteri del nome file fattura di acquisto e del codice valuta;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: corretta assegnazione doppia scadenza in presenza di più tipi scadenza per il medesimo codice di pagamento ricevuto;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: corretta assegnazione nazione nel caso di più nazioni presenti per la medesima sigla;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: automatizzata assegnazione prezzo totale, e data scadenza solo se assente nel documento originale;
• RICEZIONE FATTURE DI ACQUISTO: aggiunta importazione nome e cognome cessionario in assenza di ragione sociale;


Versione 3.2
• Nuovo programma ricezione fatture di acquisto elettroniche;

Prima di procedere con il caricamento delle fatture elettroniche di acquisto, è necessario compilare le informazioni di base nei Parametri di Setup.

Parametri di Setup

(eseguibile FATTURA ELETTRONICA: [Fatturazione Elettronica] / [Archivi di Base])

È necessario aver indicato a setup la directory dove devono essere prelevati i file delle fatture elettroniche. La configurazione delle cartelle si differenzia a seconda del modulo acquistato.

MODULO FULL

Nel Tab [Ciclo Attivo] è sufficiente aver attivato il flag [Intermediario], e valorizzata la [Path di Interscambio File]: l’intermediario abilitato Dolphin provvederà a scaricare in queste cartelle di interscambio le fatture elettroniche ricevute e gli eventuali allegati contenuti nella fattura elettronica.

MODULO BASE

Nel Tab [Ciclo Attivo] deve essere attivato il flag [E-mail PEC] oppure [Manuale], la [Path di Interscambio File] NON deve essere valorizzata. Nel Tab [Ciclo Passivo] devono essere invece valorizzare entrambe le path per la ricezione fatture di acquisto e fatture di acquisto elaborate.

È possibile inserire anche i seguenti parametri di setup per gestire l’inserimento automatizzato dell’Anagrafica Fornitori e la contabilizzazione in Prima Nota IVA delle fatture:

Riquadro [Completamento Dati Anagrafica Fornitore]

  • MASTRO NUOVI FORNITORI: è possibile valorizzare il mastro fornitori che il programma utilizzerà per l’inserimento di una nuova anagrafica fornitore, qualora non esita già una anagrafica per la Partita IVA e Codice Fiscale indicati nella fattura di acquisto;
  • CODICE CONTATTO PER TELEFONO/FAX/E-MAIL: se presente il precedente parametro di mastro nuovi fornitori in caso di inserimento di una nuova anagrafica fornitori da parte del programma di ricezione fatture di acquisto, verranno anche inseriti gli eventuali contatti per Telefono/Fax/E-mail con gli appositi codici se presente in fattura elettronica;

Riquadro [Inserimento Prima Nota IVA]

  • TIPO DOCUMENTO FATTURA: è la tipologia di documento che verrà utilizzata per inserire la fattura elettronica in Prima Nota IVA;
  • TIPO DOCUMENTO NOTA CREDITO: è la tipologia di documento che verrà utilizzata per inserire la Nota di Credito elettronica di acquisto in Prima Nota IVA;
  • REGISTRO FATTURE DI ACQUISTO: è il registro nel quale verranno memorizzate le fatture di acquisto in Prima Nota IVA.
  • CONDIZIONE DI PAGAMENTO: è possibile assegnare una condizione di pagamento generica alle fatture di acquisto ricevute in: [Archivi di Base / Condizioni di Pagamento]. La condizione di pagamento dovrà avere una descrizione generica che indichi l’origine da fattura elettronica e il flag [Non Calcolare Scadenze] attivo.

Riquadro [Assegna Conto Merce di Default]

  • CONTO MERCE: è possibile assegnare una contropartita generica come ad esempio: “Merci Conto Vendite”. Se il conto è valorizzato, verrà associato a tutti gli articoli presenti in fattura elettronica;

Riquadro [Assegna Codice Articolo di Default]

  • CODICE ARTICOLO: al momento non ha alcuna utilità ai fini della contabilizzazione delle fatture di acquisto; questo campo è stato introdotto per i prossimi sviluppi sulla conciliazione delle fatture XML nel Ciclo Passivo di Stratega™.

Il riquadro [Assegna Codice Articolo di Default], non ha alcuna utilità ai fini della Contabilizzazione delle Fatture di Acquisto dal modulo esterno di Fatturazione Elettronica. È stato introdotto per la conciliazione delle fatture XML con le [Fatture di Acquisto] nel [CICLO PASSIVO] di Stratega™.

Ricezione Fatture di Acquisto Elettroniche

(eseguibile FATTURA ELETTRONICA: [Fatturazione Elettronica] / [Archivi di Base])

Il modulo [Ricezione Fatture di Acquisto Elettroniche] legge le fatture di acquisto in formato xml. Una volta letti dal sistema, i documenti possono essere interrogati a video, ed è possibile consultare il contenuto base: numero data e fornitore del documento, dettaglio articoli, dettaglio IVA, dettaglio scadenze e dettaglio ritenute. È anche possibile integrare le fatture ricevute con i dati contabili necessari alla corretta contabilizzazione in Prima Nota IVA.

LETTURA FILES FATTURE DI ACQUISTO

La lettura delle fatture di acquisto può avvenire in due modalità:
– In modalità automatica all’avvio del programma; – In modalità manuale dal tasto funzione presente in testata:

In entrambi i casi viene interrogata la cartella impostata a setup per la ricezione delle fatture di acquisto. Se viene rilevata la presenza di files con estensione “.xml” il sistema chiede conferma del caricamento delle fatture di acquisto, con apposito messaggio:

In caso di risposta affermativa verranno caricate nel database le fatture elettroniche e verrà data apposita segnalazione a video:

Solo a questo punto sarà possibile ricercare le fatture elettroniche di acquisto come qualsiasi altro documento presente in Stratega™, ovvero cliccando il Tasto Funzione [Trova][F4]:

Regole di assegnazione dati in fatture di acquisto

In fase di caricamento fatture di acquisto, oltre ai dati presenti nel file xml della fattura elettronica di acquisto i quali vengono letti e caricati così come presenti (ad esempio: data e numero fattura di acquisto, codice articolo, scadenze etc.) per altre informazioni vengono adottate le seguenti regole per l’assegnazione dei seguenti dati:

DATI DI TESTATA

  • CONTO FORNITORE: gli unici dati che permettono di identificare una anagrafica fornitore già presente in Stratega™ sono il Codice Fiscale e la Partita IVA.
    o Se esiste una sola Anagrafica Fornitore per Codice Fiscale/Partita IVA viene assegnato il conto fornitore già esistente;
    o Se esiste più di una Anagrafica Fornitore per Codice Fiscale/Partita IVA e non è memorizzato nessun dato di default per il conto fornitore, non viene assegnato alcun conto fornitore alla fattura di acquisto;
    o Se esiste più di una Anagrafica Fornitore per Codice Fiscale/Partita IVA ed è memorizzato il conto di default per il fornitore, quest’ultimo viene assegnato alla fattura di acquisto;
    o Se non esiste nessuna Anagrafica Fornitore per Codice Fiscale/Partita IVA e il parametro mastro fornitori è valorizzato nel setup acquisti, viene creata una nuova Anagrafica Fornitori con i dati anagrafici presenti nella fattura di acquisto, e viene associato il nuovo conto alla fattura di acquisto;
  • ANNO REGISTRAZIONE FATTURA: viene assegnato l’anno di caricamento della fattura di acquisto;
  • LOG CARICAMENTO: la data, ora e utente caricamento vengono assegnati quando la fattura elettronica viene caricata dal programma all’avvio oppure tramite il Button [CARICA FATTURE];
  • FATTURA GIÀ ELABORATA: è possibile indicare manualmente questo flag al fine di non visualizzare più fatture già elaborate, perché ad esempio già stampate oppure già contabilizzate.
  • NON VISUALIZZARE FATTURE GIÀ ELABORATE: il flag all’avvio del programma è acceso e limita la selezione in ricerca delle sole fatture per le quali non è stato attivato il flag [Fattura Già Elaborata].

Nei dati di testa sono presenti i seguenti Button:
Visualizza: visualizza il contenuto della fattura elettronica aprendola in anteprima nel browse (es. Chrome, Firefox, Edge), in due diversi layout:
o Semplificata: simile alla stampa di una fattura cartacea;
o Ministeriale: visualizzazione completa di tutti i dati della fatturazione elettronica in modalità estesa;
CARICA FATTURE: interroga la cartella delle fatture ricevute per importarle a video;
MEMORIZZA DEFAULT: memorizza in un archivio apposito l’associazione Conto Fornitore – Codice Articolo – Conto Articolo, oppure l’associazione Conto Fornitore – Aliquota IVA – Codice Articolo inseriti dall’utente nei dati a video, con lo scopo di utilizzarli nel caricamento di nuove fatture di acquisto per il medesimo fornitore.

TAB [BROWSE]

Come standard in Stratega™, questa Tab presenta l’elenco delle Fatture trovate con l’ultima Ricerca [Trova][F4]. Inoltre è disponibile il riquadro [Copia File XML]. Lo scopo di questa funzione è di copiare i file xml delle fatture elettroniche in una nuova cartella a scelta dell’utente, tipicamente per l’invio periodico degli xml al proprio commercialista. Cliccando l’apposito Button [COPIA] verranno copiati nella cartella di destinazione tutti i file xml relativi alle fatture presenti nel Tab [Browse].

TAB [DETTAGLIO]

CONTO ARTICOLO: viene assegnato il conto articolo rispettando il seguente ordine di priorità:
o 1 – la contropartita memorizzata dal programma con il Button [MEMORIZZA DEFAULT] per una precedente fattura di acquisto intestata alla medesima anagrafica fornitore e con il medesimo codice articolo;
o 2 – la contropartita presente in [Anagrafica Fornitori];
o 3 – il conto merce di default impostabile nei [Parametri di Setup], nella tab [CICLO PASSIVO] della [FATTURAZIONE ELETTRONICA];
CODICE IVA: viene assegnato l’eventuale Codice IVA memorizzato dal programma con il Button [MEMORIZZA DEFAULT] per una precedente fattura di acquisto intestata alla medesima Anagrafica Fornitore e con la medesima Aliquota IVA;
CENTRO DI COSTO: [COA] viene assegnato l’eventuale Centro di Costo ereditandolo dall’Anagrafica Fornitori di Stratega™;

Nel riquadro [Dettaglio articoli] sono presenti i seguenti Button:

  • ASSEGNA CONTO ARTICOLI: previa digitazione del campo [Conto Articolo] a fianco del Button è possibile assegnare massivamente un Conto Articolo alle righe precedentemente selezionate;
  • ASSEGNA CODICE IVA ARTICOLO: previa assegnazione dei Codici IVA nel sottostante riquadro di [Riepilogo IVA] è possibile associare il medesimo Codice IVA alle righe articolo a parità di Aliquota IVA e Natura;
  • ASSEGNA CENTRO: [COA] previa digitazione del campo [Centro di Costo] a fianco del tasto è possibile assegnare massivamente un centro di costo alle righe precedentemente selezionate;

TAB [CONTABILIZZA]

SCONTI SU TOTALE: visualizza gli eventuali sconti cassa previsti [sola visualizzazione];
TOTALE RITENUTE, IMPONIBILE, IMPOSTA, FATTURA: vengono evidenziati i vari totali, utili al controllo del documento [sola visualizzazione];
RITENUTE: [RIT] se presente, nella tab [RITENUTE] dell’Anagrafica Fornitore di Stratega™, una codifica con % di ritenuta uguale alla percentuale ritenuta indicata nel file xml della fattura di acquisto elettronica, vengono individuati la Causale, il Codice e il Conto Ritenute che vengono quindi assegnati alle omonime informazioni a video:
o Causale ritenute;
o Codice ritenute;
o Conto;
RIEPILOGO SCADENZE
o MODALITÀ DI PAGAMENTO: viene assegnata la modalità di pagamento rispettando il seguente ordine di priorità:
▪ 1- Modalità di pagamento inserita in Anagrafica Fornitore;
▪ 2- Modalità di pagamento impostabile nel Setup della Fattura Elettronica;
o TIPO SCADENZA: viene assegnato il tipo scadenza per il quale viene trovata una corrispondenza nel campo codice modalità pagamento presente in Archivi di base / Dati Scadenze;
o IBAN / ABI CAB / BANCA DI APPOGGIO: se le scadenze importate dalla fattura elettronica non riportano già i dati bancari IBAN o ABI CAB, vengono assegnati i dati bancari presenti nell’Anagrafica Fornitori di Stratega™; lo stesso vale per la banca di appoggio indicata nell’Anagrafica Fornitori di Stratega™;
NOTE: è possibile inserire note libere relative alla fattura di acquisto;

Contabilizzazione fatture di acquisto in Prima Nota di IVA

La contabilizzazione viene effettuata sul registro indicato nel setup parametri di acquisto che viene riproposto a video. Sul campo [Registro] è attivo lo [ZOOM][F7] per poter modificare il registro su cui verrà registrata la fattura di acquisto.
[TRA] Se si desidera registrare la fattura come movimento di Transito si deve flaggare l’apposita CheckBox [Transito].
La [Data Protocollo Fattura] di acquisto viene proposta in automatico prendendo quella dall’ultima registrazione contabile ed è modificabile dall’utente.
Per far rientrare la fattura nella Liquidazione IVA di un periodo precedente alla data di protocollo fattura, è possibile assegnare manualmente una [Data Periodo IVA] precedente rispetto alla data di protocollo della fattura.
È possibile scegliere la [Causale Contabile] con cui avviene memorizzato il Movimento di Prima Nota IVA (e di Prima Nota). Su questo campo è attivo lo [ZOOM][F7] per poter scegliere la causale.

L’operazione di contabilizzazione fatture di acquisto in prima nota IVA può essere effettuata dall’apposito Button [CONTABILIZZA]

Prima di procedere alla contabilizzazione delle fatture è necessario aver compilato tutte le informazioni necessarie alla corretta contabilizzazione delle fatture in Prima Nota IVA. Questi dati sono stati volutamente evidenziati in verde e possono essere inseriti o modificati a mano dall’utente, oppure vengono valorizzati in fase di importazione file xml leggendo le impostazioni salvate con il Button [Memorizza Default] salvate in precedenza.

Al termine della contabilizzazione viene dato apposito messaggio a video:

Se la fattura è stata correttamente contabilizzata, il flag di fattura [Contabilizzata] risulta attivo e sono visibili il [Numero Protocollo] e la [Data Protocollo] registrati in Prima Nota IVA; se è stata generata un’autofattura, di questa viene visualizzato anche il [Registro], il [Numero] di protocollo e la [Data autofattura] in cui è stata registrata in Prima Nota IVA.

Contabilizzazione fatture di acquisto in Reverse Charge

N.B. questa opzione è valida solo da [S6B6 SP15].

Se nella fattura di acquisto ricevuta è presente la Natura IVA “N6” (inversione contabile), il programma contabilizza la fattura di acquisto integrando automaticamente l’IVA e crea la corrispondente autofattura nel registro vendite.
L’automatismo per generare l’autofattura scatta in presenza di:
1 –  un Codice IVA che abbia il flag [Genera Autofattura] attivo:

In [Caricamento Fatture Elettroniche di Acquisto] questo Codice IVA deve essere inserito nel Riepilogo IVA, ed il programma accenderà in automatico il flag [REVERSE CHARGE].

2 – una causale contabile, associata nell’anagrafica del fornitore o inserita manualmente nel Tab [Contabilizza] del [Caricamento Fatture Elettroniche di Acquisto], che abbia i parametri per la generazione dell’autofattura correttamente compilati:

In presenza di queste condizioni, dopo la contabilizzazione della fattura dall’apposito Button

oltre al flag di fattura [Contabilizzata] e il [Numero Protocollo] e la [Data Protocollo] della fattura di acquisto in Prima Nota IVA, vengono altresì evidenziati il [Registro], il [Numero] e la [Data] di protocollo dell’autofattura generata dal programma.

TAB [ANAGRAFICA FORNITORE]

– Anagrafica Inserita da Importazione Fattura Elettronica Fornitore: il flag viene valorizzato in automatico dal programma quando, nel caricamento della fattura di acquisto, viene creata una nuova Anagrafica Fornitore;

BUTTON MEMORIZZA DEFAULT

Data una fattura di acquisto precaricata a video, è possibile completare i dati amministrativi per gestirne la corretta contabilizzazione in Prima Nota IVA inserendoli manualmente nella schermata. Questi dati fondamentali sono:

– Conto Articolo;
– Codice IVA;

è possibile memorizzare questi dati per automatizzarne l’assegnazione nel caricamento di fatture di acquisto elettroniche successive per il medesimo fornitore. In questo caso è necessario valorizzare il codice articolo ed il Codice IVA nel Tab [Dettaglio] e salvare la modifica. Successivamente è necessario cliccare il Button [MEMORIZZA DEFAULT]:

Fatture Da Ricevere

[FT.RIC] Modulo aggiuntivo con Licenza separata.

Il modulo [Fatture da Ricevere] permette la generazione automatica di una scrittura contabile di completamento, quando, a fronte di ricezione di un DDT di Acquisto per il quale non è ancora pervenuta fattura, si ha la registrazione della voce di costo in Prima Nota. Alla ricezione della fattura relativa alla bolla precedentemente ricevuta, la scrittura viene stornata con un nuovo movimento contrario di prima nota.
Con questa funzionalità è possibile ottenere un bilancino molto più accurato in ogni momento, perché tiene conto anche di tutti i costi certi (le DDT di Acquisto) ben prima che arrivi la relativa Fattura. Questo permette alla Società che hanno bisogno di “chiusure” i conti mensili nei primissimi giorni del mese successivo di avere una situazione molto più completa.
In questa sezione si troveranno tutte le informazioni utili al setup ed all’utilizzo della procedura delle Fatture da Ricevere.

Setup Procedura e Archivi di Base

ANAGRAFICA FORNITORI

[Archivi di Base] / [Anagrafica Fornitori]
Si deve inserire una nuova anagrafica fornitore generica; è bene che la Ragione Sociale identifichi bene lo scopo: es.: “FORNITORE FATTURE DA RICEVERE”.

CAUSALI DI PRIMA NOTA

[Archivi di Base] / [Amministrazione] / [Causali di Prima Nota]
Si deve inserire una nuova causale dedicata alla gestione “Fatture da Ricevere”.

TIPI DOCUMENTO

[Manutenzione di Sistema] / [Tabelle di Sistema] / [Tipi Documento]
Si devono selezionare i tipi documento per DDT da Ricevere e Fatture da Ricevere, e abilitare il flag [Attiva Fatture da Ricevere]. Oppure creare delle nuove tipologie di documenti ad hoc per DDT da Ricevere e Fatture da Ricevere che abbiano il flag [Attiva Fatture da Ricevere] checkato.

ATTIVA FATTURE DA RICEVERE: se checkato, la gestione Fatture da Ricevere viene abilitata sul tipo di documento indicato

È fortemente consigliato gestire 2 tipi documento sia per le DDT da Ricevere che per le Fatture di Acquisto e solo uno con abilitato il flag [Attiva Fatture da Ricevere]. È molto probabile che vi siano situazioni per le quali non si desidera gestire la Fattura da Ricevere; in questo modo sarà possibile gestire entrambe le situazioni, all’occorrenza.

SETUP AMMINISTRAZIONE: FATTURE DA RICEVERE

[Manutenzione di Sistema] / [Setup] / [AMMINISTRAZIONE]
Abilitare il modulo attivando il flag iniziale [Abilita Modulo Fatture da Ricevere].
[TRA] Se si vuole che le registrazioni dei movimenti contabili relativi alle fatture da ricevere vada in Prima Nota di Transito è necessario abilitare l’apposito flag [Utilizza Prima Nota Transito], altrimenti le registrazioni verranno consolidate in prima nota definitiva.
Inserire in [Conto Fatture da Ricevere] l’Anagrafica Fornitore appena creato.
Inserire in [Causale di Prima Nota] la causale amministrativa appena creata; N.B. questa non strettamente necessaria, ma fortemente consigliata

Modalità di Utilizzo

BOLLE DI ACQUISTO

[Ciclo Passivo] / [Ricezione Bolle di Acquisto]
Inserire il DDT di Acquisto con l’apposita tipologia di documento attivata per la procedura Fatture da Ricevere ed intestata al conto fornitore per il quale ci sarà una fattura da ricevere.

Al salvataggio del DDT di acquisto viene automaticamente inserito un movimento di prima nota che anticipa la registrazione della voce di costo acquisto merce verso il conto fittizio [Fornitore Fatture da Ricevere], anticipando di fatto la registrazione contabile che sarebbe avvenuta inserendo la fattura di acquisto (ad esclusione della quota IVA).

FATTURE DI ACQUISTO

[Ciclo Passivo] / [Fatture di Acquisto]
Al ricevimento della fattura di acquisto, quest’ultima deve essere registrata nel programma fatture di acquisto utilizzando l’apposita tipologia di documento con flag [Attiva Fatture da ricevere] abilitato.
In fattura di acquisto si va ad evadere dall’apposito Tab [FATTURAZIONE DOCUMENTI] il DDT di acquisto precedentemente caricato per la rilevazione della fattura da ricevere.

Infine si procede alla normale contabilizzazione della fattura di acquisto da [Ciclo passivo] / [Contabilizza acquisti].

Il programma di contabilizzazione, oltre a generare la consueta registrazione della fattura di acquisto in Prima Nota IVA e Prima Nota, provvederà anche ad inserire un movimento di prima nota che storna dal conto fattura da ricevere l’importo del DDT collegato alla fattura di acquisto, per il quale era stato precedentemente inserito un movimento contabile di segno contrario.

Attenzione! Le registrazioni di Prima Nota per la rilevazione e lo storno delle fatture da ricevere non sono modificabili. È necessario prima eliminare la fattura di acquisto di prima nota collegata al movimento.

Creazione movimenti fatture da ricevere

Se a partire da oggi si vuole iniziare a gestire le fatture da ricevere, da una certa data in poi il programma crea il movimento fatture da ricevere per tutte le ddt fornitore dalla data di inizio e fine ricerca impostate nel programma per la tipologia di documento selezionata.

Storno movimenti fatture da ricevere

Se a partire da oggi si vuole disabilitare le fatture da ricevere e quindi la scrittura della prima nota che effettua gli storni, il programma provvede a chiudere le fatture da ricevere rimaste in sospeso nel range di date immesso nelle date di inizio e fine ricerca per il tipo di documento indicato.

ANNOTAZIONI

La Cancellazione di una Fattura di Acquisto in Prima Nota IVA riapre anche la Fattura da Ricevere.
Anche l’inserimento della fattura di acquisto in Prima Nota IVA storna il movimento Fatture da Ricevere.

RDA a Valore

Con questa particolare gestione è possibile gestire nelle RDA le righe di dettaglio a valore anziché per quantità. Ovvero l’evasione delle righe avverrà sulla base dell’importo di riga.

Questa modalità è molto utile se si vuole gestire delle commesse sulla base si previsioni di acquisto, che non possono essere dettagliate se non al momento di effettuare gli acquisti veri e propri. In questo modo sarà possibile avere une temporizzazione finanziaria in grado di produrre degli scadenzari previsionali effettivi, perché potranno tenere conto non solo delle scadenze effettive generate da documenti di acquisto e/o di vendita, ma anche sulla base di veri e propri “Capitoli” di spesa impostati su una previsione dei fornitori, e quindi sulle modalità di pagamento normalmente previste per essi (oltre che di eventuali ordini di acquisto e di vendita).

TIPO DI RIGA

Per gestire l’evasione delle RDA a valore anziché a quantità, è necessario definire due apposite tipologie di riga da utilizzare (VALORE e CAPITOLO) da indicare nel setup.

La prima ([VALORE]) è da utilizzare nella RDA per indicare le righe da evadere a valore anziché a quantità. Deve essere una riga “NORMALE” e attiva su “AcquistiàR.D.A.”; può essere di stampa, tutti gli altri flag devo essere disattivi (come da esempio sopra).
La seconda ([CAPITOLO]) è da utilizzare negli Ordini a Fornitore per indicare le righe che evadono le righe delle RDA a valore. Deve essere una riga “COMMENTO” e attiva su “AcquistiàOrd.”; può essere di stampa, tutti gli altri flag devo essere disattivi (come da esempio sopra).

SETUP APPLICAZIONE

Nel Setup Acquisti è stato aggiunto un riquadro [Gestione RDA a Valore] per i parametri necessari a questa gestione.

ABILITA GESTIONE RDA A VALORE: serve per attivare la gestione;
TIPO RIGA PER GESTIONE VALORE IN RDA: è il Tipo di Riga da utilizzare sulla RDA per inputare il valore che si vuole “gestire”;
TIPO RIGA PER GESTIONE CAPITOLI IN ORDINE FORNITORE: è il tipo di riga che deve essere utilizzato sull’Ordine a Fornitore per fare riferimento al tipo riga VALORE dell’RDA al fine di “scaricarla”;
AVVISO ECCEDENZA ORDINE FORNITORE/RDA: in caso che le righe capitolo sugli ordini a fornitore superano l’importo della riga VALORE a cui fanno riferimento sulla RDA che fanno;
AZZERA RIGA ORDINE FORNITORE ECCEDENTE

RICHIESTA DI ACQUISTO (RDA)

La RDA deve essere compilata utilizzando l’apposita tipologia di riga prevista per le RDA a Valore [VALORE]; è consigliabile che vengano utilizzati degli articoli specifici dedicati a questa tipologia di informazioni. La quantità deve essere impostata a 1.

L’importo che verrà totalizzato nelle righe [CAPITOLO] degli Ordini a Fornitore, verrà riportato nella colonna [Val.Evaso] sulla RDA.

ORDINE A FORNITORE

Nell’Ordine a Fornitore, utilizzando la Tab dedicata [Sel. RDA] si devono ricercare le RDA che si desidera “evadere”. Il filtro sulle RDA può essere fatto nei campi del riquadro [Ricerca RDA] potendo filtrare per [Numero] e [Data] delle RDA (su questi campi non è attivo il [QBE Extra][F6]), il [Fornitore], il [Centro] di Costo e la [Commessa]; sui primi due zono attivi sia lo [Zoom][F7], che la [Gestione][CTRL-F7], sulla commessa solo lo [Zoom][F7].

Evidenziando una riga di Documento e cliccando su [Seleziona], verranno “spuntate” ( ) sia la riga in evidenza, che tutti i suoi dettagli.

Se si vuole selezionare solo alcune righe di un documento si deve evidenziare tali righe nella tabella dei dettagli e cliccare [Seleziona Righe]; è possibile anche sflaggare delle righe selezionate evidenziandole e cliccando su [Deseleziona Righe].
Cliccando su [Esegui], per ogni riga della [RDA a Valore] che si porta nell’ordine a fornitore, viene creata un’equivalente riga di tipo [CAPITOLO].

Per ogni riga capitolo si va ad elencare gli articoli da ordinare, indicati come normali righe nel corpo dell’ordine a fornitore. Al salvataggio dell’ordine la riga di tipo [CAPITOLO] totalizzerà gli importi degli articoli sottostanti stabilendo l’importo da evadere nell’RDA, ma mantenendo invariato il totale dell’ordine.

Nella Tab [Verifica RDA] degli Ordini Fornitori è possibile vedere la situazione riepilogativa delle RDA coinvolte nell’ordine, con l’esposizione del valore già evaso e di quello ancora disponibile. Per popolare la tabella è necessario cliccare sul Button [Ricerca].

È possibile segnalare con un messaggio (alert) lo sforamento del valore della RDA, ed eventualmente
azzerare il prezzo della riga che sfora, ma solo attivando l’apposito flag a setup [Setup] -> [ACQUISTI].

Previous Note di Rilascio – Ciclo Passivo
Next UTILITY
Indice contenuti