Documentazione
< Indietro
Print

GESTIONE PLAFOND

N.B. Questa gestione è stata in buona parte soppiantata con la gestione delle Dichiarazioni d’Intento.
Per gli esportatori abituali, è prevista la possibilità di effettuare acquisti di beni e servizi o importazioni in sospensione di imposta. Tale facoltà è però ammessa entro un determinato limite, detto per l’appunto plafond disponibile.
Tale limite è dato dalle cessioni intracomunitarie di beni, dalle esportazioni e dalle operazioni assimilate effettuate nell’anno precedente o nei dodici mesi precedenti.
Nei [Parametri IVA] è possibile conteggiare il plafond utilizzato mensilmente dall’azienda.
I valori che vengono presi in considerazione per il conteggio del Plafond utilizzato sono quelli riferiti ai Codici IVA che hanno in anagrafica il flag [Utilizzo Plafond] attivato.

N.B. Per il momento il flag di [Determinazione Plafond] non è attivo.
Anche in anagrafica cliente sono state inserite una serie di informazioni legate al plafond e anche queste rimangono puramente descrittive.

È possibile gestire due metodi diversi di calcolo del plafond IVA:

  • il metodo fisso o solare;
  • il metodo mobile o dei dodici mesi precedenti;

Metodo Plafond Fisso

L’esportatore abituale che applica il metodo fisso può acquistare beni e servizi o importare beni senza il pagamento dell’IVA nei limiti dell’ammontare complessivo delle cessioni effettuate all’estero nell’anno solare precedente.

Per attivare questa tipologia di calcolo, devono essere compilati:

  • importo richiesto per il plafond;
  • scadenza del plafond;

Premendo il Button [Analisi Utilizzo] viene calcolato l’ammontare del plafond utilizzato sulla base dei Codici IVA utilizzati in fase di registrazione delle fatture di acquisto. Nel campo NOTE viene segnalato l’eventuale “SPLAFONAMENTO”.

È disponibile anche un report di stampa che riporta i medesimi valori calcolati a video.

Metodo Plafond Mobile

L’esportatore abituale che applica il metodo mobile può acquistare beni e servizi o importare beni senza il pagamento dell’IVA nei limiti dell’ammontare complessivo delle cessioni effettuate all’estero nei dodici mesi precedenti. Pertanto è necessario determinare l’entità del plafond di cui si dispone all’inizio di ogni mese: nel corso del mese si potranno acquistare beni o servizi o effettuare acquisti intracomunitari senza pagamento dell’IVA nei limiti del plafond disponibile.
Per ottenere questo tipo di calcolo, deve essere attivo il flag [Calcolo Mobile].

Per determinare il Plafond disponibile all’inizio di ogni mese occorre conteggiare:

  • Somma delle cessioni all’estero dei dodici mesi precedenti: ovvero le fatture di vendita registrate in Prima Nota IVA per clienti con flag [Estero] attivo con data protocollo compresa nei dodici mesi precedenti al mese di elaborazione – colonna
  • Somma delle cessioni all’estero del 13° mese precedente al mese di calcolo: ovvero fatture di vendita registrate in Prima Nota IVA per clienti con flag [Estero] attivo con data protocollo compresa nel 13° mese precedente al mese di calcolo -colonna
  • Utilizzo totale del plafond al termine del mese precedente: Somma delle fatture di acquisto registrate in Prima Nota IVA con Codice IVA avente [Utilizzo Plafond] attivato e data protocollo compresa nel mese precedente al mese di calcolo -colonna

L’importo del Plafond disponibile a inizio mese è dato da:

Il progressivo di utilizzo Plafond di fine mese è dato da:

Al cambio d’anno è necessario riportare l’ultimo valore progressivo di utilizzo finale rilevato nell’anno precedente nell’apposito parametro [Riporto Progressivo Esercizio Precedente]. Tale valore verrà conteggiato come “progressivo di utilizzo iniziale” del primo mese di calcolo Plafond.

Previous SEPA (SDD / SCT)
Next MOVIMENTI DI TRANSITO
Indice contenuti